0444.1461375 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Godzilla II - King of the monsters

Sabato 8/6 ore 16:00
Domenica 9/6 ore 16:00 e ore 18:30    
  


Regia di Michael Dougherty
Un film con Kyle Chandler, Vera Farmiga, Millie Bobby Brown, Ken Watanabe, Ziyi Zhang 
Genere Azione, Avventura, Fantascienza
Durata 131 minuti

Trama: Dopo i fatti di San Francisco l'umanità deve decidere come affrontare la questione dei Titani, mostri giganteschi che abitavano la Terra prima dell'uomo. Sono una minaccia da abbattere o la salvezza della Terra, come sostengono gli ecoterroristi?
Alzi la mano chi riteneva di esigere un plot coerente da Godzilla II: King of the Monsters. Nessuno, naturalmente. Ma il punto non sta nell'insensatezza della richiesta di fronte al kaiju eiga più esplicito ed estremo fin qui prodotto nell'emisfero occidentale, quanto nel fatto che anche un B movie che contiene 17 specie differenti di creature giganti e mostruose necessita di un minimo di accortezza di messa in scena e coerenza narrativa.

 

 

 

Dolor y gloria

Venerdì 7/6 ore 20:45
Sabato 8/6 ore 18:30 e ore 20:45 
Domenica 9/6 ore 21:00
 


Regia di Pedro Almodóvar
Un film con Antonio Banderas, Asier Etxeandia, Leonardo Sbaraglia, Nora Navas, Julieta Serrano
Genere Drammatico
Durata 113 minuti

Trama Il regista Salvador Mallo si trova in una crisi sia fisica che creativa. Tornano quindi nella sua memoria i giorni dell'infanzia povera in un paesino nella zona di Valencia, un film da cui aveva finito per dissociarsi una volta terminato e tanti altri momenti fondamentali della sua vita. Almodóvar (come si definisce ormai in forma icastica da tempo nei titoli di testa dei suoi film) torna ad essere Pedro (anche se sotto le mentite spoglie di Salvador Mallo) e ci parla di sé, del proprio malessere, della difficoltà di portare avanti il pavesiano mestiere di vivere sotto il cielo di Madrid. Lo fa tenendo sotto controllo quel tanto di automanierismo che progressivamente si era insinuato nel suo cinema e, soprattutto, lasciandosi andare sul piano emotivo. Ciò che non era accaduto in La mala educaciòn, film anch'esso legato al suo vissuto giovanile, avviene qui. Grazie anche alla scelta del giusto alter ego.